Per informazioni scrivici info@studiopettenati.it

Dove trovarci

Via Palermo, 2 - 43122, Parma

Logo


Chiamaci per un consulto

(+39) 0521.287197

LO STUDIO

Con oltre 50 anni di attività, lo studio offre competenze
per operare a livello nazionale e internazionale

Lo Studio è stato fondato nel 1959 dall'Avv. Francesco Pettenati rinomato civilista e stimato Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Parma. Nel novembre 2010 si è trasformato nell'associazione professionale Pettenati & Associati. L’attuale Senior Partner è l’Avv. Pietro Pettenati, specializzato in Diritto del Lavoro, socio AGI (Avvocati Giuslavoristi Italiani) nonché Mediatore Abilitato. Si occupa di diritto del lavoro, diritto commerciale e societario, contrattualistica nazionale e internazionale e di diritto bancario. Gli altri soci dello studio sono: l’Avv. Luigi Tanzi (diritto civile e commerciale, diritto dei trasporti, diritto fallimentare), l’Avv. Anna Vitali (diritto civile e commerciale, diritto di famiglia) e l’Avv. Antonio Padula (diritto tributario e societario).

Nell’ottobre 2014 l’Avv. Anna Vitali è diventata Italian Representative della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti.

Grazie ad una rete di consulenti selezionati negli oltre 50 anni di attività lo studio è in grado di operare sull'intero territorio nazionale ed europeo nonché, dall’ottobre 2014, negli Emirati Arabi Uniti.

AREA DI COMPETENZA
Ultime news

Segui tutte le nostre news
per rimanere sempre aggiornato

IN TEMA DI LICENZIAMENTO IL DATORE DI LAVORO HA L’OBBLIGO DI OFFRIRE AL LAVORATORE UNA MANSIONE INFERIORE

Qualora sussista un patto di demansionamento anteriore o coevo al licenziamento, il datore di lavoro che adduca a fondamento del licenziamento la soppressione del posto di lavoro cui era addetto il lavoratore ha l’onere di provare, non solo che al momento del licenziamento non esisteva alcuna posizione di lavoro alla quale egli avrebbe potuto essere […]

LICENZIAMENTO: LEGITTIMO SE L’AZIENDA VUOLE AUMENTARE I PROFITTI

La Corte di Cassazione, ribaltando la decisione della Corte d’Appello di Firenze ha stabilito la legittimità del licenziamento di un dipendente al fine di ottenere un’organizzazione del lavoro idonea ad aumentare redditività e profitti. Si legge nella motivazione “il motivo oggettivo di licenziamento determinato da ragioni inerenti all’attività produttiva, nel cui ambito rientra anche l’ipotesi […]