Per informazioni scrivici info@studiopettenati.it

Dove trovarci

Via Palermo, 2 - 43122, Parma

Logo


Chiamaci per un consulto

(+39) 0521.287197

ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI: LA QUANTITA’ DELL’ ALIMENTO (PT.7)

ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI: LA QUANTITA’ DELL’ ALIMENTO (PT.7)

La quinta indicazione obbligatoria prevista dall’art. 9 reg 1169/2011 è la quantità netta dell’alimento (per vedere le altre clicca qui https://www.studiopettenati.it/news/).

Per quantità netta si intende il peso del prodotto alimentare calcolato all’atto del confezionamento.

Essa deve essere espressa (art.23 reg 1169/2011):

  • in unità di volume per i prodotti liquidi, utilizzando: il litro il centilitro o il millilitro;
  • in unità di massa per gli altri prodotti, utilizzando: il chilogrammo o il grammo.

 

Le unità di misura devono seguire immediatamente il valore numerico.

 

Ad. es.                                    valore corretto                                                 valore errato

 

Unità di massa                              100 g                                                  g 100/ 100 gr./GR. 100

 

Unità di volume                             40 cl                                                   CL 40/ cl 40/ 40 cl.

 

L’indicazione della quantità deve essere posizionata nello stesso campo visivo (https://www.studiopettenati.it/prodotti-alimentari-letichettatura-pt-1/)in cui si trovano la denominazione di vendita e la data di scadenza o il tmc (la cui differenza verrà spiegata nel prossimo articolo).

Prodotti preimballati. Per i prodotti preimballati (prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti), la quantità si esprime come quantità nominale.  Quest’ultima è la massa o il volume indicato sull’imballaggio e corrisponde alla quantità netta di prodotto che si ritiene debba contenere l’imballaggio stesso.

La quantità nominale tiene conto delle tolleranze di peso in difetto previste dalle disposizioni metrologiche (https://it.wikipedia.org/wiki/Simbolo_di_stima).

Essa deve essere indicata (ex DM 27 febbraio 1979) con un carattere che abbia un’altezza minima di:

  1. 2 mm se la quantità è uguale o inferiore a 50 g (o ml)
  2. 3 mm se la quantità è superiore a 50 e fino a 200 g (o ml)
  3. 4 mm se la quantità è superiore a 200 e fino 1000 g (o ml)
  4. 6 mm se la quantità è superiore a 1000 g (o ml)

 

Esenzioni: L’indicazione NON è obbligatoria per i prodotti (all. IX p.1 reg 1169/2011):

  • Generalmente venduti a pezzo (a condizione che il numero di pezzi possa chiaramente essere visto e contato dall’esterno o indicato nell’etichettatura);
  • Soggetti a notevoli perdite del loro volume o della loro massa venduti al pezzo o pesati davanti all’acquirente;
  • La cui quantità netta sia inferiore a 5 grammi o 5 milligrammi, salvo per le spezie e le piante aromatiche.

Condizioni particolari: Quando l’imballaggio è costituito da più preimballaggi contenenti ciascuno la stessa quantità di prodotto, l’indicazione della quantità netta è fornita indicando il numero totale dei preimballaggi e la quantità netta contenuta in ciascuno di essi.

Se il numero e il peso di ciascun preimballaggio, contenuto in un imballo multiplo, può essere visto senza infrangere l’imballaggio, non è obbligatorio indicare su quest’ultimo i dati suddetti.

Quando un imballaggio preconfezionato contiene più preimballaggi individuali non considerati unità di vendita, l’indicazione della quantità netta è fornita menzionando la quantità netta totale del prodotto e il numero totale dei preimballaggi individuali.

Per i prodotti da forno (ad es. biscotti) e per quelli a base di zucchero è sufficiente l’indicazione della quantità totale.

 

Alimenti presentati in un liquido di copertura: quando un alimento solido è presentato in un liquido di copertura (all. IX p.5 reg 1169/2011), viene indicato anche il peso netto sgocciolato di questo alimento. Quando l’alimento è stato glassato, il peso netto indicato dell’alimento non include la glassa.

Per liquido di copertura si intendono i seguenti prodotti:

  • Acqua
  • Soluzioni acquose di Sali
  • Salamoia
  • Soluzioni acquose di acidi alimentari
  • Aceto
  • Soluzioni acquose di zuccheri
  • Soluzioni acquose di altre sostanze o materie edulcoranti
  • Succhi di frutta o ortaggi nei casi delle conserve di frutta o ortaggi.

 

Ad es.                peso netto 300g                             peso sgocciolato 220g

Peso totale 100g                            peso sgocciolato 85g

200g                                      sgocciolato 170g

 

Questa disposizione vale anche se i liquidi suddetti si presentano surgelati o congelati, purchè il liquido sia solo accessorio e non sia, pertanto decisivo per l’acquisto.