Per informazioni scrivici info@studiopettenati.it

Dove trovarci

Via Palermo, 2 - 43122, Parma

Logo


Chiamaci per un consulto

(+39) 0521.287197

CORTE DI GIUSTIZIA UE: IL DIRITTO DI VISITA AL MINORENNE SI ESTENDE AI NONNI – ed è competente il Giudice dello Stato membro in cui risiede il minore –

CORTE DI GIUSTIZIA UE: IL DIRITTO DI VISITA AL MINORENNE SI ESTENDE AI NONNI – ed è competente il Giudice dello Stato membro in cui risiede il minore –

Con la sentenza del 31 maggio 2018 (causa C 335/17), la Corte di giustizia dell’Unione europea haaffermato che la nozione di «diritto di visita» a un minore contenuta nell’articolo 2 del regolamento n. 2201/2003 (Bruxelles II bis) ha una portata ampia e non esclude alcun beneficiario, con cui è importante che il minore mantenga rapporti significativi.

Di conseguenza, per individuare il giudice competente va applicato il regolamento 2201/2003 sulla competenza, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e sulla responsabilità genitoriale, che stabilisce la competenza del giudice dello Stato membro in cui risiede il minore.

La Corte prende in esame il caso di una cittadina bulgara, nonna materna di un sedicenne. In seguito al divorzio dei genitori, il ragazzo era andato a vivere col padre, cittadino greco, in Grecia. Deteriorati i rapporti tra la donna e l’ex genero, la nonna si è rivolta in prima battuta alle autorità greche per ottenere il diritto di visita, senza risultato, e poi alla giustizia bulgara. I giudici di primo grado e di appello hanno respinto il ricorso per difetto di competenza, ma la Cassazione bulgara ha rimesso la questione alla Corte Ue.

Avv. Anna Vitali