Per informazioni scrivici info@studiopettenati.it

Dove trovarci

Via Palermo, 2 - 43122, Parma

Logo


Chiamaci per un consulto

(+39) 0521.287197

ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI: L’ELENCO DEGLI INGREDIENTI (PT.4)

ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI: L’ELENCO DEGLI INGREDIENTI (PT.4)

Il secondo elemento essenziale indicato dall’art.9 del Reg. 1169/2011 (dopo la denominazione di vendita  https://www.studiopettenati.it/prodotti-alimentari-la-denominazione-venditapt-3/) è l’elenco ingredienti.

Per ingrediente si intende “qualunque sostanza o prodotto, compresi gli aromi, gli additivi e gli enzimi alimentari, e qualunque costituente di un ingrediente composto utilizzato nella fabbricazione o nella preparazione di un prodotto alimentare e ancora presente nel prodotto finito, anche se sotto forma modificata; i residui non sono considerati come ingredienti”.

L’elenco comprende tutti gli ingredienti dell’alimento, in ordine decrescente di peso, così come registrati al momento del loro uso nella fabbricazione.

Una novità rispetto alla precedente normativa si ha in tema di nanomateriali ingegnerizzati. Si tratta di materiali prodotti intenzionalmente e caratterizzati da una o più dimensioni dell’ordine di 10onm o inferiori, ovvero composti di parti funzionali distinte, interne o in superficie, molte delle quali presentano una o più dimensioni dell’ordine di 10onm o inferiori, compresi strutture, agglomerati o aggregati che possono avere dimensioni superiori all’ordine di 100nm. Essi devono essere chiaramente indicati nell’elenco degli ingredienti con la dicitura “nano” tra parentesi che segue la denominazione dell’ingrediente.

L’art. 19 del Regolamento, indica una serie di prodotti per i quali l’elenco degli ingredienti può essere omesso:

  • Prodotti ortofrutticoli freschiche non abbiano subito trattamenti quali sbucciatura, tagliatura o analoghi;
  • Le acque gassificate;
  • Gli aceti di fermentazione provenienti esclusivamente da un solo prodotto base (purchè non siano aggiunti altri ingredienti);
  • I formaggi, il burro e le creme di latte fermentatipurchè non siano stati aggiunti ingredienti diversi dai prodotti derivati dal latte;
  • Alimenti che comprendono un solo ingrediente a condizione che la denominazione dell’alimento sia identica alla denominazione dell’ingrediente o consenta di determinare chiaramente la natura dell’ingrediente.

I motivi della facoltà di omissione sono la semplicità di composizione di questi alimenti e la disciplina che ad essi si applica, la quale impedisce, di regola, l’aggiunta di ulteriori ingredienti.

Non è richiesta, inoltre, l’indicazione di:

  • Acqua se utilizzata per ricostituire un ingrediente utilizzato sotto forma concentrata o disidratata nel processo di fabbricazione ovvero nel caso sia liquido di copertura non consumato normalmente;
  • Costituenti di un ingrediente temporaneamente separati nella fase di fabbricazione e successivamente reintrodotti nella stessa quantità;
  • Additivi ed enzimi presenti in quanto già presenti in un ingrediente (a meno che non si tratti di sostanze allergeniche).

L’all. VII del predetto Regolamento, stabilisce le modalità di indicazione degli ingredienti.

Di seguito riportiamo le caratteristiche generali. Quelle specifiche sono indicate nelle diverse tabelle corrispondenti sottostante.

Abbiamo, dunque, disposizioni relative a:

  • L’indicazione degli ingredienti in ordine decrescente di peso. Sono contemplate specifiche modalità di indicazione nell’elenco di talune categorie di ingredienti: ad es. la facoltà di raggruppare gli oli di origine vegetale sotto la dicitura “oli vegetali”, seguita dall’elenco di indicazione dell’origine vegetale specifica. (PARTE A);
  • L’indicazione degli ingredienti con la denominazione di una categoria piuttosto che con una denominazione specifica (PARTE B);
  • L’indicazione degli additivi e degli enzimi (PARTE C);
  • La designazione degli aromi nell’elenco degli ingredienti (la quale deve avvenire mediante l’utilizzo dei termini indicati nella PARTE D);
  • La designazione degli ingredienti composti che possono figurare nell’elenco degli ingredienti sotto la loro designazione nella misura in cui essa è prevista dalla regolamentazione o fissata dall’uso, in rapporto al suo peso globale e deve essere immediatamente seguita dall’elenco dei suoi ingredienti. Essa non è obbligatoria se l’ingrediente composto rappresenta, in peso, meno del 2% del prodotto finito (PARTE E).

 

PARTE A

 

PARTE B

PARTE C

PARTE D

PARTE E

Nel prossimo articolo spiegheremo perchè alcuni ingredienti compresi nell’elenco vengono scritti in grassetto.

Dott.sa Marta Mordacci